La “selva oscura” (“Inf.” I) e la tradizione neo-platonica nel bivio