In this essay we intend to verify if the judicial application of the principle of subsidiarity to the division of legislative powers, as amended by the constitutional reform of 2001, has been able or not to properly ensure the role of Regional Legislators against the State.The analysis necessarily extends to the text of the constitutional draft law S. 1429-D (conspicuously amending Art. 117 Const.), to determine whether the principle of subsidiarity can be applied to the new division of legislative power, to shape it on the basis of the dimension of public interests to be ruled, according to the principles of proportionality and adequacy of the interventions of the State and the Regions.

Nel presente contributo si intende verificare se l’applicazione in via pretoria del principio di sussidiarietà al riparto di competenze legislative, come novellato dalla riforma costituzionale del 2001, sia riuscita o meno a garantire adeguatamente il ruolo dei legislatori regionali nei confronti del legislatore statale.L’indagine necessariamente si estende anche al testo del disegno di legge costituzionale S. 1429-D (che modifica vistosamente l’art. 117 Cost.), per determinare se il principio di sussidiarietà possa trovare margini di applicazione nel nuovo riparto della potestà legislativa, modellandolo sulla base della dimensione degli interessi pubblici da gestire, secondo i canoni della proporzionalità e dell’adeguatezza degli interventi di Stato e Regioni.

Possiamo fare a meno della sussidiarietà “verticale” nel riparto di competenze legislative delineato nel Titolo V della seconda parte della Costituzione? Osservazioni a margine del d.d.l.cost. S. 1429-D

LEOTTA, FRANCESCA
Primo
2016

Abstract

Nel presente contributo si intende verificare se l’applicazione in via pretoria del principio di sussidiarietà al riparto di competenze legislative, come novellato dalla riforma costituzionale del 2001, sia riuscita o meno a garantire adeguatamente il ruolo dei legislatori regionali nei confronti del legislatore statale.L’indagine necessariamente si estende anche al testo del disegno di legge costituzionale S. 1429-D (che modifica vistosamente l’art. 117 Cost.), per determinare se il principio di sussidiarietà possa trovare margini di applicazione nel nuovo riparto della potestà legislativa, modellandolo sulla base della dimensione degli interessi pubblici da gestire, secondo i canoni della proporzionalità e dell’adeguatezza degli interventi di Stato e Regioni.
In this essay we intend to verify if the judicial application of the principle of subsidiarity to the division of legislative powers, as amended by the constitutional reform of 2001, has been able or not to properly ensure the role of Regional Legislators against the State.The analysis necessarily extends to the text of the constitutional draft law S. 1429-D (conspicuously amending Art. 117 Const.), to determine whether the principle of subsidiarity can be applied to the new division of legislative power, to shape it on the basis of the dimension of public interests to be ruled, according to the principles of proportionality and adequacy of the interventions of the State and the Regions.
SUBSIDIARITY; ARTICLE 117 ITALIAN CONSTITUTION; LEGISLATIVE POWERS
SUSSIDIARIETÀ; ARTICOLO 117 COST.; COMPETENZE LEGISLATIVE
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2016_Sussidiarieta.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Dimensione 443.52 kB
Formato Adobe PDF
443.52 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/40735
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact