The present contribution presents the results of a field study on plurilingual teaching to Deaf migrants based on written Italian/Italian Sign Language (LIS). Early results, experiences, methods and the background theories (Fontana e Mignosi, 2020; Pienemann, 1998) will be presented in order to show how teaching paths should overcome traditional approaches and take into account the multimodality in communication and in the relationships. Starting from the results of these research, hypothesis on a syllabus will be proposed, which will be built on educational accessibility and will use approaches based on translanguaging (Garcia e Wei, 2015) and on trasformative action research (Stevenson, 1995). Such research show that learners seem to benefit of a teaching approach based on intercorporeity and multimodality, which promotes an active role of participants.

Il presente contributo riporta i risultati relativi ad una sperimentazione di didattica plurilingue italiano scritto/Lingua dei segni Italiana (LIS) a migranti sordi. Si illustreranno i primi risultati della sperimentazione, i metodi, le esperienze e le teorie di riferimento (Fontana e Mignosi, 2020; Pienemann, 1998), mostrando come la costruzione di un percorso didattico debba superare la didattica tradizionale basati sulla grammatica per ristrutturarsi costantemente tenendo conto della natura multimodale nella comunicazione e nella relazione. A partire dai risultati di questa sperimentazione, si avanzeranno ipotesi su un sillabo costruito intorno alla nozione di accessibilità glottodidattica che promuova l’intercomprensione utilizzando la multimodalità e le lingue dei segni conosciute dagli apprendenti e quindi gli approcci basati sui principi del translanguaging (Garcia e Wei, 2015) e del trasformative action research (Stevenson, 1995). La ricerca mostra che gli apprendenti sordi e udenti sembrano beneficiare di un approccio basato sulla multimodalità e sull’intercorporeità nella didattica che promuove un ruolo attivo dei partecipanti.

Il mio segno nome è "Sole che sorge": percorsi di didattica plurilingue e multimodale con migranti sordi e udenti

sabina fontana
Primo
Writing – Original Draft Preparation
2020-01-01

Abstract

Il presente contributo riporta i risultati relativi ad una sperimentazione di didattica plurilingue italiano scritto/Lingua dei segni Italiana (LIS) a migranti sordi. Si illustreranno i primi risultati della sperimentazione, i metodi, le esperienze e le teorie di riferimento (Fontana e Mignosi, 2020; Pienemann, 1998), mostrando come la costruzione di un percorso didattico debba superare la didattica tradizionale basati sulla grammatica per ristrutturarsi costantemente tenendo conto della natura multimodale nella comunicazione e nella relazione. A partire dai risultati di questa sperimentazione, si avanzeranno ipotesi su un sillabo costruito intorno alla nozione di accessibilità glottodidattica che promuova l’intercomprensione utilizzando la multimodalità e le lingue dei segni conosciute dagli apprendenti e quindi gli approcci basati sui principi del translanguaging (Garcia e Wei, 2015) e del trasformative action research (Stevenson, 1995). La ricerca mostra che gli apprendenti sordi e udenti sembrano beneficiare di un approccio basato sulla multimodalità e sull’intercorporeità nella didattica che promuove un ruolo attivo dei partecipanti.
The present contribution presents the results of a field study on plurilingual teaching to Deaf migrants based on written Italian/Italian Sign Language (LIS). Early results, experiences, methods and the background theories (Fontana e Mignosi, 2020; Pienemann, 1998) will be presented in order to show how teaching paths should overcome traditional approaches and take into account the multimodality in communication and in the relationships. Starting from the results of these research, hypothesis on a syllabus will be proposed, which will be built on educational accessibility and will use approaches based on translanguaging (Garcia e Wei, 2015) and on trasformative action research (Stevenson, 1995). Such research show that learners seem to benefit of a teaching approach based on intercorporeity and multimodality, which promotes an active role of participants.
sign language, intercorporeity, multimodality, processability, teaching.
sign language, intercorporeity, multimodality, processability, teaching.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/493088
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact