La leggerezza di Sciascia e le ripetizioni di Candido