Teatri Abitanti trasforma la condizione dell’abitare in forma decisiva per la produzione di spazi comuni dell’architettura e della città. La residenza di progetto ha offerto un’occasione eccezionale per rompere una condizione attuale molto diffusa che, schiacciando il lavoro dell’architettura dentro l’attività asfittica della professione e della tecnica, di fatto sancisce una rassegnata rinuncia alla ricerca e alla produzione critica e diffusa di cultura contemporanea. Il lavoro sul campo, in un confronto diretto con una realtà sociale dinamica, ha permesso di ripensare un ruolo culturale e politico dell’architettura come attività orizzontale che coinvolge un numero consistente di lavoratori cognitivi. Gli spazi comuni, definiti da una pratica e da un’azione di comunità concentrata in un luogo, hanno bisogno di coniugarsi con la definizione di nuove forme che l’architettura dovrebbe costruire con rigore e precisione plasmando le figure informali sedimentate nel tempo. Il progetto degli spazi comuni attiva campi di energia e costruisce i dispositivi per comporre e rilanciare le forze conservandone l’incisività e il carattere nel tempo.

Teatri abitanti. Il Teatro Valle Occupato come residenza di progetto

NAVARRA, MARCO
2012

Abstract

Teatri Abitanti trasforma la condizione dell’abitare in forma decisiva per la produzione di spazi comuni dell’architettura e della città. La residenza di progetto ha offerto un’occasione eccezionale per rompere una condizione attuale molto diffusa che, schiacciando il lavoro dell’architettura dentro l’attività asfittica della professione e della tecnica, di fatto sancisce una rassegnata rinuncia alla ricerca e alla produzione critica e diffusa di cultura contemporanea. Il lavoro sul campo, in un confronto diretto con una realtà sociale dinamica, ha permesso di ripensare un ruolo culturale e politico dell’architettura come attività orizzontale che coinvolge un numero consistente di lavoratori cognitivi. Gli spazi comuni, definiti da una pratica e da un’azione di comunità concentrata in un luogo, hanno bisogno di coniugarsi con la definizione di nuove forme che l’architettura dovrebbe costruire con rigore e precisione plasmando le figure informali sedimentate nel tempo. Il progetto degli spazi comuni attiva campi di energia e costruisce i dispositivi per comporre e rilanciare le forze conservandone l’incisività e il carattere nel tempo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/50495
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact