Il "disaccordo razionale" tra scienza galileiana e "maraviglia" barocca