È ancora possibile narrare il paesaggio?