Between 1874 and 1878 two silver lamellae were unearthed on the Esquilino Mount in Rome. They belong to a peculiar kind of protective amulets widely used in the Mediterranean area in Late Antiquity. These two lamellae are both inscribed, the first in Greek (protective incantation against seleniasmòs) and the other in Greek and Square-script letters. The article presents the latter amulet, a bilingual one that has only one parallel known to date (Oxford, Ashmolean Museum). It is a Greek-Hebrew amulet (with some Aramaic utterances), to be worn as protection against fever (perhaps malaria). The reading and interpretation of the Hebrew text is preceded by a thorough survey of published metal amulets with Hebrew and/or Aramaic texts known to the scholarly discussion until 2005.

Tra il 1874 e il 1878 due lamellae d’argento furono scoperte sull’Esquilino. Entrambe appartengono ad un particolare tipo di amuleti protettivi largamente usati nell’area del Mediterraneo nella Tarda Antichità. Queste due lamine sono state entrambe iscritte, la prima in greco (formula protettiva contro il seleniasmòs) e la seconda (bilingue) in greco e in scrittura aramaica quadrata. L’articolo presenta la lamina bilingue, di cui si conosce un solo parallelo (Oxford, Ashmolean Museum). Il testo in scrittura quadrata è in lingua ebraica. L’oggetto sembra sia stato concepito come amuleto protettivo contro la febbre (forse malarica). La decifrazione e l’interpretazione del testo ebraico sono precedute da una rassegna completa degli amuleti metallici con testi in lingua ebraica e/o aramaica noti al dibattito scientifico fino al 2005.

Una lamina bilingue dal Medagliere Capitolino: considerazioni sul testo ebraico

MORIGGI, MARCO
2006

Abstract

Tra il 1874 e il 1878 due lamellae d’argento furono scoperte sull’Esquilino. Entrambe appartengono ad un particolare tipo di amuleti protettivi largamente usati nell’area del Mediterraneo nella Tarda Antichità. Queste due lamine sono state entrambe iscritte, la prima in greco (formula protettiva contro il seleniasmòs) e la seconda (bilingue) in greco e in scrittura aramaica quadrata. L’articolo presenta la lamina bilingue, di cui si conosce un solo parallelo (Oxford, Ashmolean Museum). Il testo in scrittura quadrata è in lingua ebraica. L’oggetto sembra sia stato concepito come amuleto protettivo contro la febbre (forse malarica). La decifrazione e l’interpretazione del testo ebraico sono precedute da una rassegna completa degli amuleti metallici con testi in lingua ebraica e/o aramaica noti al dibattito scientifico fino al 2005.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/5421
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact