Gli storici e lo "spazio" del Gattopardo