La non contestazione come prova liberamente valutabile