Un "tacquino" nascosto nel Seicento