LA RESTRIZIONE DI LIBERTA' NELLA PATOGENESI DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE