"In pelli miti e sobri conati". Per la poetica dell'ultimo Zanzotto