Riforma delle società e interpreti in controtendenza: il caso della delega amministrativa "obbligatoria"