Topologie romanzesche: la metafora dell'acquario e altri spazi perturbanti del Novecento