«Raccontare contromano». Ascanio Celestini e la performance della memoria