Tra 'kolossourgia' e 'chorographia': spinte ideologiche e strumenti descrittivi di un geografo antico