Tubutsch o l'anti-racconto come negazione di ogni possibilità narrativa