La funzione lirica del "delirio" nel Marchese di Roccaverdina