Su di un caso di sindrome di Maffucci