Il primato della lingua standard (scritta) formale) e la «coerenza stilistica» in educazione linguistica