I classici ‘proibiti’ nell’età vittoriana tra pornografia e poesia saffica